Features I Fondatori Missrc 02
Features-i-fondatori-missrc-02

I FONDATORI

Note biografiche

 

EZIA FIORENTINO

segnaposto

1911, 1dicembre: Ezia Fiorentino nasce a Busto Arsizio

1929: si iscrive all’Istituto Superiore di Magistero dell’Università Cattolica di Milano. Conosce Padre Gemelli ed Armida Barelli della quale sarà per anni collaboratrice fidata.

1935: si laurea in “Filosofia e storia”

1936-1938: è Assistente di Pedagogia di Sofia Vanni Rovighi in Università Cattolica. Dai primissimi anni accademici, conosce Padre Gabriele di Santa Maria Maddalena; carmelitano, maestro di spirito, incoraggia i laici ad attingere il loro zelo apostolico ad una profonda pietà e prolungata intimità con Dio. Sulla strada della vita interiore e dell’unione con Dio, guiderà Ezia per molti anni.

1938: Armida Barelli presenta Ezia Fiorentino all’Arcivescovo di Milano, il cardinale A. I. Schuster, che la nomina Presidente diocesana della Gioventù Femminile di Azione Cattolica. Si instaura una profonda sintonia di pensiero e di azione.

1938-1945: insegna alle Scuole Magistrali dell’Istituto Sacro Cuore di Milano. Gli eventi bellici e la collaborazione col cardinale Schuster affinano e potenziano la sua attenzione e il suo impegno verso i bisognosi di qualunque età e condizione, “i suoi poveri”.

1939: muore suo padre, Matteo.

1942: viene nominata dal cardinale Schuster Segretaria diocesana della Pia Associazione “Pro Seminario”.

1945: il cardinale Schuster ed Ezia Fiorentino fondano l’Istituto Secolare delle Missionarie del Sacerdozio Regale. Assistente spirituale diocesano è Padre Raineri Boga; lo sarà fino al riconoscimento pontificio nel 1969; morirà nel 1976.

1948: Prima Professione di Ezia Fiorentino e delle prime 20 Missionarie del Sacerdozio Regale.

1951: viene eletta Consigliere comunale al Comune di Milano. Iniziano gli impegni civici di “Assistenza e beneficenza”.

1956: scade il mandato di Ezia da Presidente diocesana della GF di AC.

1956: insegna religione alla Civica scuola “Manzoni”, ove ricopre anche la carica di vicepresidente.

1957: emissione dei voti perpetui

1957: scade il mandato di Ezia da Segretaria della Pia Associazione “Pro Seminario”.

1959: viene insignita della “Croce pro Ecclesia et Pontifice, in considerazione dei meriti che ha avuto militando attivamente al servizio della Santa Chiesa per la Gloria di Dio”.

1959: partecipa ad un corso di Esercizi, guidati da padre Alberto Bassan S.J. Sarà suo Direttore spirituale fino agli anni ’90.

1960: muore sua mamma, Maria Martini Fiorentino.

1966: riceve l’Ambrogino d’oro del Comune di Milano “per la sua opera generosa e infaticabile allo sviluppo di numerose istituzioni assistenziali”; diviene cittadina benemerita.

1977: lascia l’insegnamento per limiti di età.

1988: lascia la presidenza dell’Istituto Secolare delle Missionarie del Sacerdozio Regale di Cristo.

2009, 20 marzo: Ezia Fiorentino ritorna alla casa del Padre.

 

CARDINALE ILDEFONSO SCHUSTER

segnaposto

1880, 18 gennaio: nasce a Roma nell’ospedale S. Giovanni.

20 gennaio: viene battezzato; gli vengono imposti i nomi di Ludovico, Alfredo, Luigi.

1889, 12 settembre: muore suo padre Giovanni Schuster.

1891: viene accolto nel piccolo collegio per gli studi secondari del monastero di S. Paolo fuori le Mura.

1896: è ammesso come «postulante il sacro abito» nella comunità monastica di S. Paolo.

1898: inizia l’anno di noviziato; stringe rapporti con il beato Placido Riccardi che lo plasma ad una robusta spiritualità fondata sul senso della propria nullità e dell’assoluto abbandono alla volontà di Dio.

1899, 13 novembre: emette i «voti semplici» e prende il nome di Ildefonso.

1902, 13 novembre: emette i «voti solenni».

1904, 19 marzo: nella Basilica di S. Giovanni in Laterano, viene ordinato sacerdote.

1908: è nominato «maestro dei novizi» del monastero di S. Paolo.

1912, 21 novembre: muore sua mamma, Maria Anna Tutzer.

1915, 22 settembre: è nominato «Procuratore Generale» della Congregazione Cassinese e il 24 dicembre «Priore claustrale» di S. Paolo.

1917: è nominato Professore di Liturgia nel Pontificio Istituto Orientale.

1918, 26 marzo: a 38 anni di età è eletto «abate» di S. Paolo.

1919, 29 giugno: «in natali Apostolorum», l’abate Schuster appone la firma al primo volume del «Liber Sacramentorum». Ne seguiranno altri otto: l’ultimo nel 1929.

1929, 26 giugno: viene nominato Arcivescovo di Milano.

15 luglio: è creato Cardinale nel concistoro segreto.

21 luglio: viene consacrato Vescovo da Pio XI, nella Cappella Sistina.

8 settembre: il Card. Ildefonso Schuster fa il suo ingresso in Milano.

1930: inizia le Visite pastorali.

agosto: apre il nuovo Seminario Pio XI a Venegono Inferiore.

1931: inizia i Sinodi diocesani.

1932, 29 ottobre: nella vigilia della festa di Cristo Re, il Card. Schuster consacra la cappella dell’Università Cattolica del S. Cuore.

1934, marzo: il Santo Padre nomina il Card. Schuster suo legato per le celebrazioni del millenario dell’abbazia di Einsiedeln in Svizzera.

1935, maggio: inaugura il Seminario Maggiore di Venegono.

1937: istituisce la giornata annuale di offerte per le «nuove chiese».

1941, novembre: a Masnago apre il Pre-seminario.

1942: istituisce la Pia Associazione “Pro Seminario”; ne nomina Ezia Fiorentino Segretaria diocesana.

1944, 8 dicembre: consacra la Diocesi a Maria.

1945, Festa di Pentecoste: nasce l’Istituto Secolare delle Missionarie del Sacerdozio Regale per precisa volontà del Cardinale che ne stende il primo Statuto. Presidente Ezia Fiorentino, Assistente spirituale diocesano Padre Raineri Boga.

1949, marzo: benedice la prima pietra della «Domus Ambrosiana», Casa di accoglienza per i senza tetto.

1950: dà inizio al Processo informativo diocesano per la beatificazione del Card. Carlo Andrea Ferrari.

2 agosto: erezione canonica dell’Istituto Secolare Missionarie del Sacerdozio Regale.

1951, 15-22 aprile: missione Mariana diocesana e consacrazione della diocesi al Cuore Immacolato di Maria.

3-9 settembre: presiede, come Legato pontificio, il Congresso Eucaristico Nazionale ad Assisi.

1953: dà inizio ai lavori del Convitto Ecclesiastico di Saronno per la formazione dei giovani sacerdoti.

6-13 settembre: presiede, come Legato pontificio, il Congresso Eucaristico Nazionale a Torino.

29 settembre: indice, sull’esempio del Papa, l’Anno Mariano per la diocesi milanese.

1954: è eletto Presidente della seconda Conferenza Episcopale Italiana (CEI)

19 marzo: celebra in Duomo il 50° di ordinazione sacerdotale, circondato da 20.000 bambini.

luglio: si reca a Salerno per la ricognizione canonica delle spoglie di S. Gregorio VII, già abate di S. Paolo.

1 agosto: celebra la sua ultima funzione in Duomo.

14 agosto: per ordine perentorio dei medici lascia Milano per il Seminario di Venegono Inferiore, onde rimettersi in salute. Ultimo incontro con Ezia Fiorentino: confidenze, raccomandazioni, indicazioni per il futuro dell’Istituto e suoi personali.

30 agosto: il Card. Schuster muore. La salma viene trasportata a Milano tra due ali ininterrotte di folla che piange, prega, s’inginocchia. Si fa sosta in ogni paese, si chiudono le fabbriche, suonano le campane. Una stragrande folla gremisce giorno e notte il Duomo per salutare la salma venerata.

1957, 30 agosto: a tre anni dalla morte del Card. Schuster, il Card. Montini, suo successore, avvia il Processo informativo per la causa di beatificazione del santo Arcivescovo.

1996, 12 maggio: durante una solenne celebrazione presieduta da Giovanni Paolo II in San Pietro il Cardinal Alfredo Ildefonso Schuster è proclamato beato.